D.M. 11 ottobre 2017, n. 259: nuovi CAM per edifici pubblici

 Sulla Gazzetta ufficiale n. 259 del 6 novembre 2017 è stato pubblicato il decreto del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare 11 ottobre 2017 recante “Criteri ambientali minimi per l’affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici pubblici”. Con il Dm Ambiente 11 ottobre 2017 sono stati definiti i nuovi criteri ambientali minimi (CAM) per gli appalti di nuova costruzione, ristrutturazione, manutenzione, riqualificazione energetica di edifici pubblici e per la gestione dei cantieri.

Fanno eccezione gli interventi di ristrutturazione edilizia, comprensiva degli interventi di demolizione e ricostruzione effettuati nelle zone territoriali omogenee (ZTO) «A» e «B». In riferimento a tali interventi, le stazioni appaltanti potranno applicare in misura diversa, motivandone le ragioni, i criteri definiti dal decreto per la riduzione del consumo di suolo, il mantenimento della permeabilità dei suoli e per l’illuminazione naturale.

Dm Ambiente 11 ottobre 2017 – Appalti verdi

Il nuovo decreto assume una valenza particolare per il fatto che si riferisce all’Affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici pubblici con la precisazione che al paragrafo 1.2 dei nuovi CAM è disposto che l’utilizzazione degli stessi CAM definiti nel documento consente alla stazione appaltante di ridurre gli impatti ambientali degli interventi di nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione degli edifici, considerati in un’ottica di ciclo di vita.

Nei casi di affidamento del servizio di progettazione, i criteri dovranno costituire parte integrante del disciplinare tecnico elaborato dalla stazione appaltante in modo da indirizzare la successiva progettazione. Deve essere tenuto presente che tali criteri non sostituiscono per intero quelli normalmente presenti in un capitolato tecnico, ma si vanno ad aggiungere ad essi, cioè essi specificano dei requisiti ambientali che l’opera deve avere e che si vanno ad aggiungere alle prescrizioni e prestazioni già in uso o a norma per le opere oggetto del documento.

Decreto CAM 11 ottobre 2017

Il Decreto riporta i seguenti paragrafi:

  • Selezione dei candidati
  • Specifiche tecniche per gruppi di edifici
  • Specifiche tecniche dell’edificio
  • Specifiche tecniche dei componenti edilizi
  • Specifiche tecniche del cantiere
  • Criteri di aggiudicazione (criteri premianti)
  • Condizioni di esecuzione (clausole contrattuali)

 

Tra i criteri ambientali minini previsti per la riqualificazione energetica, si segnala:

• l’acquisizione di diagnosi energetiche;
• sistemi di approvvigionamento energetico in grado di coprire in parte o in toto il fabbisogno energetico con la produzione di energia da fonti rinnovabili;
• garanzia di determinate prestazioni energetiche.

I precedenti decreti CAM

Il nuovo decreto fa seguito ai precedenti decreti sui criteri ambientali minimi pubblicati successivamente all’entrata in vigore del Codice dei contratti di cui al D.lgs. n. 50/2016 di seguito indicati:

  • Dm 27 settembre 2017 sui “Criteri Ambientali Minimi per l’acquisizione di sorgenti luminose per illuminazione pubblica, l’acquisizione di apparecchi per illuminazione pubblica, l’affidamento del servizio di progettazione di impianti per illuminazione pubblica“;
  • Dm 15 febbraio 2017 su “Adozione dei criteri ambientali minimi da inserire obbligatoriamente nei capitolati tecnici delle gare d’appalto per l’esecuzione dei trattamenti fitosanitari sulle o lungo le linee ferroviarie e sulle o lungo le strade”;
  • Dm 11 gennaio 2017 su “Adozione dei criteri ambientali minimi per gli arredi per interni, per l’edilizia e per i prodotti tessili”;
  • Dm 18 ottobre 2016 su “Adozione dei criteri ambientali minimi per l’affidamento del servizio di sanificazione per le strutture sanitarie e per la fornitura di prodotti detergenti”;
  • Dm 24 maggio 2016 su “Incremento progressivo dell’applicazione dei criteri minimi ambientali negli appalti pubblici per determinate categorie di servizi e forniture”.

Breve cenno generale sui CAM, Criteri Ambientali Minimi

I Decreti ministeriali CAM vengono adottati in diversi settori merceologici che prescrivono per ogni categoria le caratteristiche che devono essere inserite nella procedura di affidamento per considerarla “verde”. I CAM, Criteri Ambientali Minimi, sono stati approvati nel 2011 e hanno stabilito dei criteri minimi affinché un appalto possa essere definito ‘verde’ in base alle indicazioni del PAN-GPP (Piano d’Azione Nazionale del Green Public Procurement).

Clicca qui per consulare il Decreto dei Criteri ambientali minimi per l’affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici pubblici

0 commenti Visualizza i commenti Nascondi i commenti

Aggiungi un commento

credits: Adviva - Realizzazione siti web