Appalti entro il 15 marzo: 292 cantieri finanziati con mutui Bei

Immagine di copertina: Scuola primaria a Salionze, VR, Circlelab Coop Architecture - foto di cantiere

Il Ministero dell’economia e delle finanze, di concerto con il Ministero dell’istruzione e con quello delle infrastrutture e dei trasporti, ha autorizzato le Regioni all’utilizzo dei contributi pluriennali per gli interventi di edilizia scolastica inclusi nei piani regionali triennali.

Il decreto interministeriale n. 390 del 6 giugno 2017,registrato dalla Corte dei Conti il 28 luglio scorso e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 16 settembre 2017 (clicca qui), autorizza gli interventi a valere sul Mutuo 2016.

In particolare, ai sensi della Legge legge 24 dicembre 2003, n. 350 e’ autorizzato l’utilizzo – da parte delle regioni, per il finanziamento degli interventi inclusi nei piani regionali triennali di edilizia scolastica dei contributi pluriennali di euro 9.999.999,99 annui, decorrenti dal 2016 e fino al 2044, previsti dall’art. 10 del DL n.104/2013 (convertito con l. n.128/2013) per le finalita’, nella misura e per gli importi a ciascuna regione assegnati.

L’utilizzo dei contributi pluriennali quantificato includendo nel costo di realizzazione dell’intervento anche gli oneri di finanziamento, avviene per i singoli beneficiari sulla base di quanto riportato nell’allegato A al DM 6/6/2017 in relazione alla decorrenza e alla scadenza degli stessi, al netto ricavo attivabile a seguito delle operazioni finanziarie di attualizzazione, con oneri di ammortamento per capitale e interessi posti a carico del bilancio dello Stato.
Eventuali variazioni del piano, derivanti da esigenze adeguatamente documentate dei soggetti beneficiari dei contributi devono essere preventivamente comunicate al Ministero dell’istruzione, che provvede a richiedere autorizzazione al Ministero dell’economia e delle finanze (Dipartimento del tesoro e Dipartimento della ragioneria generale dello Stato).

Il perfezionamento delle operazioni può avvenire mediante la stipula di un contratto di mutuo sulla base di uno schema tipo, che deve essere sottoposto al preventivo nulla osta del Ministero dell’economia, si chiarisce nel DM 6/6/2017.
Entro trenta giorni dalla stipula del contratto di mutuo, l’istituto finanziatore deve notificare al Ministero dell’istruzione copia conforme dei contratti di mutuo perfezionati.
Nel contratto di mutuo stipulato con l’istituto finanziatore deve essere inserita apposita clausola che prevede l’obbligo a carico dello stesso di comunicare, al massimo entro trenta giorni dalla stipula, al Ministero dell’economia e delle finanze – Dipartimento del tesoro (direzione II e VI) e al Dipartimento della ragioneria generale dello Stato (Ispettorato generale di bilancio – Ufficio XVI), all’ISTAT e alla Banca d’Italia, l’avvenuto perfezionamento dell’operazione finanziaria con indicazione delle informazioni di cui al prospetto allegato alla circolare del Ministero dell’economia e delle finanze 24 maggio 2010, n. 2276, tenuto conto della tipologia dell’operazione finanziaria perfezionata.

L’importo totale stimato è pari a 238 milioni di euro che si vanno ad aggiungere ai 905 milioni stanziati nel 2015. Ciascuna regione potrà utilizzare i fondi a lei assegnati per realizzare gli interventi già selezionati e indicati nel piano nazionale di edilizia scolastica. I primi a partire sono proprio i 292 interventi indicati nella lista allegata al decreto. Se gli enti locali non hanno già affidato i lavori, dovranno farlo entro 180 giorni, da conteggiare dalla pubblicazione del decreto in «Gazzetta», cioè entro il 15 marzo 2018. 

Riferimenti normativi:
DECRETO 6 giugno 2017 del MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA
Autorizzazione alle regioni alla stipula dei contratti di mutuo e agli enti locali alla stipula dei contratti di appalto e all’aggiudicazione dei lavori. (Decreto n. 390).
(GU Serie Generale n.217 del 16-09-2017) 

Per scaricare il decreto, l’allegato A con la ripartizione regionale e il foglio Excel con tutti gli interventi vai alla pagina Miur – Mutui Bei

Clicca qui e scarica la lista dei 292 interventi finanziati dalla nuova tranche Mutui Bei 

Fonte: italiasicura.governo.itwww.insic.it

Autore:

Alessandro Sartori
0 commenti Visualizza i commenti Nascondi i commenti

Aggiungi un commento

Altri articoli in News

Articoli popolari

credits: Adviva - Realizzazione siti web